EWS Val di Fassa Trentino punta in alto e si conferma tra gli eventi più di successo del circuito mondiale enduro

Il comitato organizzatore incassa gli elogi di rider, team e organizzatori e già pensa al 2023

L’enduro mondiale oggi è tornato in scena in Val di Fassa Trentino, una location che per qualità organizzativa e contesto spettacolare tre le Dolomiti patrimonio UNESCO, si conferma tra le più apprezzate del mondo.
L’ EWS Val di Fassa Trentino, alla sua terza edizione, è un evento che regala sempre grandi emozioni ed esalta la competizione ai massimi livelli tanto nelle categorie PRO della EWS quanto nella gara amatori della EWS 100.
La prova speciale EWS MET PRO Stage Ciasates del sabato aveva lasciato presagire che lo show sarebbe stato dei migliori. I rider scendevano nel bosco tra due ali di fan il cui clamore si sentiva distintamente fino alla Bait del Cà dove era stata allestito l’arrivo e la stazione dello speaker.

Siamo soddisfatti del risultato che il nostro evento sta raggiungendo. Il Comitato Organizzativo ogni anno fa passi avanti, così come è in costante evoluzione anche il rapporto e la comprensione della manifestazione da parte del territorio e degli operatori del settore. Stiamo lavorando ad un 2023 possibilmente ancora più impegnativo e prestigioso e per questo non dobbiamo abbassare la concentrazione, anche se ora è il momento di goderci un meritato riposo” dichiara William Basilico presidente del Comitato Organizzatore Locale.
Chi è stato presente, chi stava seguendo le classifiche in tempo reale prova speciale dopo prova speciale, si è reso subito conto che la gara sarebbe stata tiratissima e che i distacchi tra i protagonisti erano minimi. Su 35 minuti di gara il vincitore di oggi, l’americano Richie Rude (Team Yeti Fox Factory Team), ha staccato Jesse Melamed (team Rocky Mountain Race Face) di soli 5 secondi e nei successivi due minuti erano racchiusi quasi 40 rider.

Tra le donne la vittoria va alla francese Isabeau Courdurier, del team Lapierre Zipp Collective, che conferma la sua leadership nel circuito, vincendo 4 su 5 speciali di gara. La Courdurier sul podio ha dedicato un pensiero all’amica del Trentino Daniela Preshern, scomparsa questo inverno, con cui aveva condiviso il rollout nel 2021.
Il migliore degli italiani è stato il ligure Tommaso Francardo, 37esimo assoluto, mentre tra le donne Under 21 si conferma in grande forma la valdostana Sophie Riva (Team Ancillotti Factory) oggi seconda di categoria. Da sottolineare il grande risultato di Martino Fruet l’atleta del Tram Lapierre Trentino che bissa il risultato ottenuto proprio qui in Val di Fassa nel 2019.

Tornare a vincere la gara di casa nella mia categoria è sempre una grande soddisfazione. Non ci sono molti trentini che corrono in enduro e quindi portare alta la bandiera della mia regione in questa disciplina è sempre un grande onore. Complimenti per l’organizzazione e per i percorsi, davvero all’altezza” dichiara Martino Fruet.
Il Comitato Organizzatore locale incassa anche i complimenti del capo della giuria UCI, il portoghese Armando Esteves, che al termine delle premiazioni afferma “Di tutti gli eventi Enduro a cui ho partecipato come giudice questo è certamente quello dove ho lavorato meglio”.

Il ritorno del grande pubblico e la massiccia partecipazione dei rider, delle squadre e delle aziende presenti nel villaggio evento sempre più colorato e vivo, pone però una doverosa riflessione sull’impatto che una manifestazione di questo tipo ha sull’ambiente. A questo tema gli organizzatori hanno risposto con una serie di azioni che sono valse alla manifestazione il riconoscimento rilasciato dalla Provincia Autonoma di Trento del marchio Eco-Eventi Trentino.
E’ il primo grande evento in Val di Fassa ad ottenere questo risultato, si tratta di un percorso che abbiamo iniziato quest’anno e che riteniamo sia fondamentale per poter proseguire con gli eventi futuri. Consapevolezza, riduzione degli sprechi, acqua compresa, e limitazione degli spostamenti di tutti i nostri ospiti, sono le principali tre macro categorie che hanno composto questo iniziale step verso una maggiore sostenibilità delle manifestazioni che organizziamo” dichiara Nicolò Weiss responsabile del prodotto bike della Val di Fassa.

Ora il circus dell’Enduro World Series si sposta oltre oceano in Canada a Whistler, mentre qui in Val di Fassa tutto è pronto per accogliere i turisti e partire con la stagione estiva di bike park, tour tra le montagne e i sentieri di questa bellissima regione dolomitica.

Qui tutti i risultati

Dainese Met Cannondale Evoc Muc-Off Northwave Tannus Ultimate

Privacy policy